Le susine goccia d'oro sono dei frutti di forma tondeggiante o a cuore, con buccia che varia dal verde chiaro al giallo oro.
La polpa delle susine a goccia d'oro è succosa e zuccherina, davvero squisita!
Prevalentemente le susine a goccia d'oro vengono consumate al naturale, ma anche in cucina sono un ottimo ingrediente per confetture.

Marmellata di gocce d’oro e zafferano

Ingredienti

1 kg gocce d'oro 
500 gr zucchero semolato
250 gr zucchero di canna
1 baccello vaniglia
0,3 gr zafferano 

 Procedimento

Per prima cosa lavate i vasetti e i tappi, e poi sterilizzateli: coprite il fondo di una pentola capiente con un canovaccio di lino bianco, mettetevi sopra i vasetti e i tappi, riempite la pentola di acqua e fate bollire per cinque – dieci minuti. Toglieteli dall’acqua e lasciateli asciugare a testa in giù, sempre su di un canovaccio pulito, mentre preparate la marmellata.

Lavate per bene le susine gocce d’oro e toglietegli i piccioli e le foglie.
Asciugatele e tagliatele a pezzetti eliminando il nocciolo.

Pesate a questo punto la quantità di frutta ottenuta. Negli ingredienti ho indicato le proporzioni per un chilo di frutta (750 gr di zucchero, tra semolato e di canna, per ogni chilo), dovrete ovviamente adattare le proporzioni in base al peso delle gocce d’oro.

Versate le susine tagliate in una pentola, aprite il baccello di vaniglia e unite i semi che sono al suo interno alla frutta.

Aggiungete poi lo zucchero, sia quello semolato che di canna, a freddo. Accendete il fuoco e iniziate a cuocere.
Per ottenere una marmellata naturale non ho usato addensanti.

Dunque la cottura per ottenere una marmellata densa sarà più lunga.
Mescolate spesso per non far attaccare il composto sul fondo della pentola e comunque tenete la fiamma medio bassa, soprattutto dopo che la frutta è giunta a bollore.

Trascorsa 1 ora e 45 minuti dal momento di ebollizione, potete aggiungere lo zafferano direttamente puro in stimmi, senza averlo sbriciolato o messo prima in infusione in acqua calda. Col calore si scioglierà da solo.

Cuocete ancora un quarto d’ora circa.

Per fare la prova della consistenza prendete con un cucchiaino un po’ di marmellata, versatela su un piattino e lasciate che si raffreddi. A quel punto potrete decidere se è abbastanza addensata o la volete far addensare ancora.

Quando la marmellata è pronta, spegnete la fiamma e riempite i vasetti con l’aiuto di un mestolino. Tappateli subito ben stretti e fateli raffreddare. Dopo qualche ora sentirete il classico “stock” del sottovuoto formato.

Riempite la vostra dispensa e gustate la marmellata di gocce d’oro e zafferano da sola sul pane, per fare dei dolci oppure, per un contrasto dolce amaricante e salato, con dei formaggi stagionati oltre i 30 mesi, che, come sappiamo, sono privi di lattosio!

Lascia un commento

Accedi


← Precedente

Il Pomodoro Piccadilly

Product added to the cartx
Product deleted from the cartx