Olio di semi di sesamo in cucina!

L’olio di sesamo è un olio vegetale che viene estratto dalla spremitura dei semi di sesamo e si caratterizza per il suo alto potere nutritivo. Sin da tempi antichissimi infatti il sesamo veniva coltivato e usato come rimedio curativo e integratore naturale, soprattutto per il suo elevato apporto di calcio e acidi grassi positivi per l’organismo.

Oltre ad essere impiegato come ingrediente nella cosmesi e in preparati naturali per la bellezza delle pelle e dei capelli, l’olio di sesamo è anche utilizzato in cucina sia come prodotto per cuocere che per condire. Prima di passare all’aspetto culinario, vediamo insieme quali sono le sue caratteristiche essenziali e i benefici che produce.

Benefici dell’olio di sesamo

Le proprietà benefiche dell’olio di sesamo sono molteplici: è un antinfiammatorio e un antiossidante naturale, è ricco di sali mineralivitamine soprattutto del gruppo B e E, oltre ad essere un potente antifungineo e antibatterico. I semi di sesamo hanno inoltre un alto contenuto di acidi grassi, specialmente Omega 3 e Omega 9, che sono grassi HDL, cosiddetti “buoni”, in grado di tenere sotto controllo i livelli di colesterolo nel sangue. Si tratta quindi di un olio vegetale molto consigliato sotto vari aspetti, adatto come integratore di calcio per intolleranti al lattosio, vegetariani e vegani. Essendo inoltre totalmente privo di glutine è adatto anche alla dieta di persone celiache.

L’olio di sesamo in cucina

Il suo utilizzo in cucina è molto diffuso, specialmente nelle ricette di piatti asiatici come il tofu, il tempeh o il riso primavera conditi con l’olio di sesamo, ma ci sono anche altri cibi più nostrani che si sposano perfettamente con il suo gusto. Ecco qui tre idee originali per usare l’olio di sesamo nella tua cucina.

Salsa tahini

Con i semi e l’olio di sesamo puoi preparare la salsa tahini, un condimento basilare nella cucina mediorientale, che si può facilmente produrre in casa. Devi innanzitutto tostare i semi di sesamo scaldandoli in padella a fuoco alto per pochi minuti fino a che non diventeranno dorati. A questo punto dovrai frullarli o pestarli in un mortaio, aggiungendo mano a mano un po’ di olio di sesamo. Le proporzioni sono 4 cucchiai di olio per 200 g di semi di sesamo. La tahini si conserva a lungo in frigo e si può mangiare spalmata sul pane o usata come condimento in altri piatti.

Pane fatto in casa all’olio di sesamo

Unisci a 500 g di farina 300 ml di acqua e 150 g di lievito madre attivo e impasta il tutto per bene, aggiungendo via via 3 o 4 cucchiai di olio di sesamo. Successivamente sala lievemente l’impasto e aggiungici anche una manciata di semi di sesamo. Impasta ancora e poi lascia lievitare il composto per 8 ore. Una volta lievitato, dai una forma ai tuoi panini al sesamo, lasciali lievitare ancora e poi inforna a 160° per 50-60 minuti.

Altre golose ricette:

Hummus

INGREDIENTI:
  • 600 gr Ceci precotti
  • 100 gr Semi di sesamo
  • 150 gr Acqua calda
  • 1/2 Succo di limone
  • 30 gr di Olio di sesamo
  • 1 cucchiaino di paprika
  • 1 spicchio d'aglio
  • q.b. sale fino
  • q.b. pepe nero
  • 1 ciuffo di Prezzemolo

PREPARAZIONE

Per preparare l’hummus iniziate sbucciando lo spicchio d'aglio 1, dividetelo a metà per togliere l'anima interna e procedete tritandolo molto finemente. Quindi prendete il ciuffo di prezzemolo, sciacquatelo, asciugatelo e tritate anch'esso finemente.

Procedete preparando la tahina (potete anche utilizzare quella in commercio se preferite): versate i semi di sesamo in una padella antiaderente e tostate i semi a fuoco dolce per 2-3 minuti. Poi trasferiteli nell’apposita suribachi (la tipica ciotola giapponese) e utilizzate il surikogi per mescolare e pestare i semi di sesamo tostati. Se non avete questi strumenti, potete utilizzate un mixer.

Iniziate a pestare e solo dopo qualche istante aggiungete l'olio di sesamo a filo, un pizzico di sale, l'acqua calda e continuate a mescolare. Se preferite una tahina più densa potete aggiungere altro sesamo tostato, se più liquida aggiungete altro olio di semi o acqua calda.

Poi unite i ceci precotti, scolati dal liquido di conservazione e continuate a mescolare e pestare. Spremete il succo di mezzo limone e unite l'aglio, del prezzemolo tritato, salate e pepate nuovamente e mescolate ancora.

Una volta pronto l'humms, potete aromatizzare ancora con prezzemolo fresco, paprika affumicata e ancora un filo d'olio di semi, quindi il vostro hummus è pronto! Servitelo come antipasto insieme a fragranti bruschette di pane o per una cena a tema mediorentale con pane azimo o arabo leggermente tostato in forno!

CONSERVAZIONE

Conservate l'hummus in frigorifero, posto in un contenitore ermetico, per 2-3 giorni. Si sconsiglia la congelazione.

Finta maionese di avocado

INGREDIENTI:

PREPARAZIONE

Per preparare la finta maionese di avocado, scegliete un avocado al giusto grado di maturazione: la polpa dovrà risultare verde e soda, ma leggermente cedevole al tatto. Tagliate a metà il vostro avocado e asportate il nocciolo. Rimuovete la buccia, aiutandovi con un coltellino dalla lama liscia e tagliate la polpa a dadini, in modo da ricavarne 260 gr. Spremete il lime per ricavarne il succo e versatelo insieme all’avocado nel bicchiere del mixer a immersione.

Aggiungete l’olio di sesamo, una presa di sale e il latte di riso.

Frullate accuratamente per ottenere una salsa perfettamente liscia. Unite quindi il tabasco, regolando il grado di piccantezza a vostro gusto, mescolate bene e la vostra finta maionese di avocado sarà pronta per essere gustata!

CONSERVAZIONE

Potete conservare la finta maionese di avocado chiusa in un vasetto a chiusura ermetica, in frigo per 3-4 giorni. Potete anche congelarla, se avete utilizzato solo ingredienti freschi.

Fonte: https://www.giallozafferano.it/  e https://www.ricettedellanonna.net/olio-di-sesamo/ 

Lascia un commento

Accedi


← Precedente

Topinambur biologico

Product added to the cartx
Product deleted from the cartx